Accuso i partiti, manuale per scegliere come votare (L’ODIO in politica è un pessimo consigliere, un cattivo ingrediente e fallimentare sostenitore della ragione🤓)

Accuso i partiti, manuale per scegliere come votare (L’ODIO in politica è un pessimo consigliere, un cattivo ingrediente e fallimentare sostenitore della ragione🤓)

 Accuso i partiti, manuale per scegliere come votare      Atto d’accusa ai partiti    Vi accuso !!!

www.immaginienonsoloparole.it written to Tullio Valerio  Mazza 

Manuale di voto, semente para crecer, nao ao venenos

L’ODIO in politica è un pessimo consigliere, un cattivo ingrediente e fallimentare sostenitore della ragione🤓
DISFATEVENE TUTTI

Informarsi per sapere, ragionare su fatti per comprendere ed avere opinioni, informare per sollecitare ognuno a partecipare🤓🇮🇹️🤓🇮🇹

SONO CONTRARIO

al finanziamento pubblico ai partiti, sufficienti e pure tanti i denari ai loro eletti in ogni ambito amministrativo

SONO FAVOREVOLE

a finanziare progetti di sviluppo innovativi e borse di studio, con i ricavi da abolizione di quelli ai partiti

Ci stiamo apprestando a vivere una competizione elettorale per il governo delle città. Diverse liste civiche, partiti, movimenti,  innumerevoli candidati, che rappresentano i propri territori per competenze individuali e conoscenze generali ambientali e sociali, si confrontano e vi chiedono il consenso. Come e cosa fare per scegliere, non chi scegliere, l’intento di questo mio articolo.

 Un sorriso non costa, ma vale Non smettiamo mai di riderci addosso, poichè il sorriso al pari del sale che impreziosisce ed arricchisce ogni pietanza, rendendola garbatamente migliore, addolcisce pure ed impreziosisce ogni parola che pronunciamo e scriviamo. Il sorriso è quella impalpabile scintilla di luce, che ingentilisce lo sguardo quando gli occhi accarezzano il vivere di ognuno di noi. (tvm)

 La brace è accesa, il fuoco attizzato, a voi i tempi e le modalità di una graticola, con sopra le altrui virtù o difetti di chi vi ha e come governato, ed al prossimo fuoco rosoleremo i pollastri novelli, a rendere così, maggiormente commestibile il futuro di tutti.

Ognuno di loro con modalità e motivazioni individuali, dall’altra noi cittadini a scegliere il nostro futuro. Il mio articolo di oggi contiene una indicazione per come e cosa, per quali finalità ed in che modo potere scegliere e discriminare i nuovi arrivati alla politica e coloro che l’hanno prodotta da tempo. Una domanda semplice ai secondi, per una loro valutazione, questa: “Siete riusciti nel tempo a vostra disposizione a fare crescere dei cittadini più consapevoli e migliori? Avete contribuito ad alimentare la partecipazione alla vita pubblica, a farne condividere le finalità, gli indirizzi, le attitudini e cambiare abituali inciviltà in atteggiamenti di civismo evoluto? Avete seminato e fatto crescere concordia, dialogo, pensieri gentili tra i vostri amministrati, oppure incentivato e riempito di turpiloqui, odio, disgregazione ed ostilità, gli aggiunti spazi tra loro? Avete coltivato aggregazioni o seminato discordie e distanze?

Ogni cittadino, in coscienza valuti con sagacia ed onestà e premi il vecchio potere se è stato in grado di rispondere positivamente a tali criteri. Se il percepito che respirate, fosse una società migliore per più elevate operatività sociali, premiateli, diversamente rivolgetevi al nuovo, renderete migliori entrambi, con l’opportunità di potere ricambiarli in futuro.

Taluni e tal altri cercheranno di imbonirvi con risultati di “ordinaria amministrazione” come l’avere sostituito una lampada all’angolo della piazzetta, oppure raddrizzato la fontanella nel parco giochi, facendole passare come valore aggiunto ad un buon governo. Bazzecole e stupidaggini. Non è un atto da ragionieri che eleva, soddisfacendo il calcolo, ma la formula che conduce al risultato adeguato.

Valutate invece se i genitori che portano i figli al gioco, partecipano senza tappare continuamente una fitta tastiera del telefonino, distogliendo lo sguardo dal sorriso del figlio, rendendo facilitati tali atteggiamenti con politiche volte ad estendere ed innalzare  ogni benessere culturale e sociale. Oppure reso opportuno un percorso protetto per raggiungere la scuola o l’asilo, accompagnandoli per mano e non sbattendo una portiera contro l’altra vicina, sgommando pericolosamente per la fretta arrogante di rendere più comoda la propria corsa, senza agevolare quella mano che accarezza il figlio e lo accompagna reggendo lo zainetto al suo posto, alleviandone il peso e proteggendone la vita, educando a ciò, penalizzando i riottosi e premiando virtù. Premiate chi ha contribuito a renderci migliori, oppure penalizzateli, con responsabilità.

Hanno saputo amministrare incrementando il rispetto per beni comuni ed ambientali, hanno promosso ed elevato uno spirito di rispetto delle persone e delle cose, hanno saputo aggiungere benessere alla vita di tutti? Sono stati imparziali e trasversali ad interessi di botteghe amicali? Ecco alcune sommarie riflessioni da fare.

Voi amministrati cittadini, avete visto incrementare ed alimentare gesti affettuosi o d’amore tra i vostri paesani o rilevato maggiori indifferenze, rivalità, brutture ideali od elevato i numeri degli istinti peggiori od acuito diversità? Rispondete a voi stessi per quanto vi dico e propongo, troverete risposte ed aggiungerete opportunità per scegliere bene e premiare od altrimenti cassare esperienze infelici.

Una coscienza candida non teme palazzi di vetro, né da dentro, né da fuori.       Avete avuto migliori informazioni e più tempestive sui vostri diritti di cittadini ed argomentate proposte od invasioni acritiche imposte nelle ulteriori tassazioni dei vostri sacrifici senza potere obiettare?

Quali di questi vi ha reso migliori? Avete sperimentato il vivere con incrementato senso civico e civiltĂ  o vi sentite compressi ed incompresi? Quali, pensate lo potessero o lo possano fare?

Aderite a progetti, andate a votare e nel farlo valutate un ultimo aspetto, questo: “sono credibili, fanno solo per se o pensano al plurale, amministrano per interesse o con interesse?”

La brace è accesa, il fuoco attizzato, a voi i tempi e le modalità di una graticola, con sopra le altrui virtù o difetti di chi vi ha e come governato, ed al prossimo fuoco rosoleremo i pollastri novelli, a rendere così, maggiormente commestibile il futuro di tutti.

tullio valerio mazza     immaginienonsoloparole.it

fertilizzanti per la mente, non veleni, sempre

#grillopensatore #razzastrana #forse 

Vogliamo essere dei poveri diavoli o dei poveri cristi? Ognuno risponda alla coscienza con sinceritĂ ,prudenza,tolleranza VIRTU’

#pensateciprimadioffendere

 Atto d’accusa ai partiti, Vi Accuso !!!

#Mancano i sogni, #scarseggiano visioni, troppi gli arroccamenti sugli interessi individuali che si spengono ben prima delle luci dell’alba. I partiti, le associazioni, i movimenti, le aggregazioni restano un rifugio per tanti interessi ed eventualmente per condividere la necessità di sopravvivere o di affermarsi nelle quotidianità con desideri personalistici e di cerchie amicali. #ufficidicollocamentoperopportunisti. Un mondo impalpabile, dove le sopravvivenze determinano necessità di coagulare strategie di conquista di “un posto” al banchetto tra i re, oppure tra coloro che possono garantire un futuro di lavoro, un impiego, una mancia, una complicità od altro di concreto ad alimentare aggregazioni, sopravvivenze economiche od affermazioni sociali ed individuali, con favori e senza meriti, a chiunque questui o si sottometta a tale opportunità o la generi o la determini. 

Nulla o poco a che vedere con confronti di idee e di indirizzi, nulla o poco  che richiami ad alte mete per tutti, ma strade, tante da percorrere e ripercorrere in ogni direzione, freneticamente senza fine e senza sosta a racimolare prebende e disonori o vantaggi di un piccolo tempo, #strade senza mete. Una cornice da riempire, un quadro composito senza indirizzi d’autore, un mosaico senza disegno, tasselli contorti, sbilenchi, malfatti. Occorre cambiare strada, indirizzi, propositi, in una parola bisogna ritornare ad essere pittori, con sogni, fantasie da esercitare per dipingere quadri d’autore, non imbrattare tele o colmare cornici. Occorre tornare a sostenere i confronti con i critici dell’arte, con noi, che siamo la gente che sogna stili di vita migliori e più adeguati, con superati egoismi irriverenti ragioni ed opportunità condivise. Che rifuggono opportunismi irritanti.

Un tempo che sfugge ha bisogno di eroi, che sappiano cavalcare a nudo un destriero furente, nel contempo gli eroi hanno necessitĂ  di popoli che siano #greggi di uomini, non appecoronati in gregge.

Sarebbe ora, anzi urge, prima di un punto di non ritorno, necessita.

Sognare in grande per tutti e metterlo, mettendosi a disposizione  con spirito di servizio e volontà ferrea a resistere alle vanità effimere, avere visioni importanti per i destini di popoli, suscitarle e determinarle con trasparenza ed affetto, ambire alla gloria per un disegno più alto e per altri, per tutti quanti noi: il popolo d’Italia, unici eredi predati da un fare inverecondo e malvagio di gente senza onore.

Ho vissuto e respirato nei partiti che avevano funzioni trainanti, per idealità forti, risolute, determinate, con propositi a volta giusti o no, sinceramente però,  dove l’integrità morale sopravanzava l’interesse proprio. Partiti e sezioni dove le identità di essere occultavano l’apparire, o lo comprimevano sapientemente, dove la sostanza erano le idee, le volontà di conquistare ed ambire od aspirare ad una più elevata equità e giustizia sociale e non le amicalità referenziali, le confraternite o le deferenti piaggerie di consorterie sfacciate alle quali siamo pervenuti.

Era il mio tempo migliore, condiviso, vissuto, amato.

Un tempo migliore che deve vivere ancora ad alimentre la vita, le vite, di ognuno di noi

Oggi trovo ribaltate tutte le condizioni che ho conosciuto e praticato. I partiti sono diventati, man mano, #uffici di collocamento per militanti ed affini, si sono trasformati in agenzie per profitti e concubinaggi immorali, per mercimonio di ogni genere e promiscuità o prostituzioni ideali e morali, aziende per pochi. Sono svaniti i sogni dai cassetti, riempiti invece di mazzette invereconde ed umilianti delle sfere d’interesse economico di parentele affini ed opportunistiche, con faziosità senza pudore o vergogna, e pure bruciate talvolta quelle stesse scrivanie o svendute per ciarpame di strada.

#Ammainate le bandiere, svanite aspirazioni e progetti di vita, ci siamo persi su strade infinite e senza mete.  Ci siamo perduti. Ci siamo confusi. Ci siamo arenati. #Ci siamo svenduti.

Pertanto oggi esistono cornici di tele dipinte, non quadri. Non esistono disegni sotto la malta dei colori. Quasi tutto è coperto ed annebbiato da un unico interesse economico ed accecante ragioni o propositi. Al pari dei quadri  venduti nei mercatini di periferia e mai battuti alle aste dei valenti, questo è un continuo ed incessante questuare di voti, non consensi. #Urge riprendere a  spargere sale con idee e progetti, non a raccogliere solo frutti immaturi ed effimeri, di un tempo che scade e marcisce, sempre e comunque, ma esercitare l’arte, la propria, quella della onestà intellettuale che porta lontano ed innalza vessilli di gloria, non steccati, per tutti.

Occorre mettere fine a tutto ciò che infanga un  passato migliore, occorre cambiare alla svelta le orchestre di chi suona senza musicalità nelle note, occorre ripensare il comune futuro, insieme, alla svelta ed alla grande.

Ripensiamo il passato, riprendiamo a sognare, salite su locomotive trainanti il futuro, scendete da questi indegni e sbilenchi carretti al traino di faccendieri di palazzo senza midollo. Fate vostre le vostre ragioni senza sorbire il fiele di altri e sventolate bandiere, in alto tenendole strette, orgogliosi, quelle nostre di gente onorata, intrise di speranze e volontà propositive a svoltare, a sterzare di netto, proponendo valori incorrotti per speranze  di vita e sublimi, come quelle di prima, che esistono, che pure da sepolte sventolano ancora, da sempre ed attendono ancora, mani capaci, come quelle dei #grillopensatore, non cicale corrotte. Punto, ho finito !!!

tullio valerio mazza  WWW.IMMAGINIENONSOLOPAROLE

Buone riflessioni a tutti e buona domenica IMMAGINI NON SOLO PAROLE

Un tempo che sfugge ha bisogno di eroi, che sappiano cavalcare a nudo un destriero furente, nel contempo gli eroi hanno necessitĂ  di popoli che siano #greggi di uomini, non appecoronati in gregge.

Era il mio tempo migliore, condiviso, vissuto, amato.

tullio valerio mazza www.immaginienonsoloparole.it

…uomo avvisato…mezzo salvato… Buona giornata e buone riflessioni a tutti. Sono particolarmente gradite le vostre opinioni, riflessioni, commenti, critiche ed interventi, pure se al vetriolo e non a “prescindere” quando utili a migliorare la conoscenza ed ampliare orizzonti. Sconsiglio di intervenire ai biliosi od impeperonati riottosi “a precindere” per non aggravare ulteriormente ed inutilmente il loro stato di salute… qualora intraprendessero la via della temerarietĂ …sarei così esentato dall’essere prudente

Personalmente mi priverei volentieri di servi sciocchi, genuflessi e ladruncoli, terrei invece collaboratori attenti, critici e propositivi. Ognuno poi ha un proprio stile di vita e lo pratica a parole e nei fatti, come chi sa mantenere la parola data e chi segue un effimero interesse allo spirar dei ponentini…c’è spazio per tutti, basta sapere cosa si vuole essere

tullio valerio mazza  immagini e non solo parole

Risposta ad un amico…a proposito di elezioni territoriali…

Valerio Mazza Caro amico, ti sono grato per questa tua notizia che non conoscevo. Di certo avrò opportunitĂ  di chiarire e conoscere, poichè mi informerò dettagliatamente. Auspico per il nostro Paesello un cambiamento, tipo “una s-volta buona” dove potessero emergere ragazzi in gamba ed informati, TRASVERSALI A QUALSIASI LOGO DI PARTITO, poichè gestire con equidistanza i cittadini e rispettarli tutti, globalmente, senza dovere sottostare a poliche generali nazionali che possono non comprendere le peculiaritĂ  e necessitĂ  locali, lo ritengo un traguardo a me caro. A presto, arrisentirci, con un distinguo per ogni eventuale endorsement equivoco, per cambiamento indico ed auspico un diverso modo di condurre e reggere la cosa pubblica, che non obbedisca esclusivamente che a criteri territoriali e non ruffianerie a segreterie di partito. Ne abbiamo subite oltremodo, a me pare. Ancora grazie per avere pensato a me, sei un amico. valerio

La collera dei popoli non possiede argini, contro i propositi del loro asservimento, non sfidatela fino ad esaurirne ogni pazienza. A tutto esiste un limite di sopportabilità, così come ad ogni atto esiste una risposta benevola, accogliente o malvagia a seconda di come ci si pone, o si agisce, dunque non suscitate mai la protesta indignata di masse consapevolmente offese, ne rimarreste travolti, come testimonia la storia di ogni passato.

UN POPOLO PUO’ VIVERE CON VINCOLI, MA PRIMA O POI SPEZZA CATENE

A nulla, pertanto valgono le vostre lacrime postume, indegni e prepotenti, commissari della ue,vi siano di monito i lamenti, le sofferenze, i morti, ed altrove, del popolo greco “incaprettato” e mortificato, per il vostro stesso dire ed ammetere. 
La sovranitĂ  appartiene alle coscienze, non alle tasche e prima ne comprenderete il significato, meglio sarĂ  per tutti.

Andatevene, avete fallito. www.immaginienonsoloparole.it
tullio valerio mazza

Oggi taccio, per una scelta ed esperimento sociale, inaugurando una svolta, per il fare di altri. Freno deliberatamente le mie parole, osserverò pertanto una giornata di silenzio, dedicata all’ascolto ed alle letture.

Commenterò in silenzio i vostri, attivando pensieri e torturando la mente, per quanto possibile e capace.

Ritornerò poi, per farvi riascoltare le vostre, quel complesso di coerenze, presenze, acume o superficialitĂ , delle quali sono permeate. Alla stessa stregua, così provocatoriamente, vi suggerisco ed invito a commentare i miei silenzi, che parlano comunque, altrochè se parlano….e non soffermatevi mai, per prudenza, solamente, sulle vostre deduzioni delle presunte per altri intenzioni, aggiungete altro tempo per riflettere senza sosta ed a lungo, prima del dire la vostra, il mio silenzio e di altri è in ascolto.

buonadomenica a tutti tullio valerio mazza

LE BANDIERE
se non hanno un’anima
sono soltanto stracci (tvm)

Good reflections to everyone and good Sunday