Vent’anni, quarantanni fa ma con identico spirito per le LIBERTA’

Vent’anni, quarantanni fa ma con identico spirito per le LIBERTA’

Vent'anni, quarantanni fa ma con identico spirito per le LIBERTA' we remember, we do not forget, we will not forget, ever www.immaginienonsoloparole.it
1974 LIBERTA' PER IL CILE

1974 LIBERTA' PER IL CILE

In tanti oggi parlano legittimamente di PACE, di LIBERTA', di CIVILTA', di battaglie di progresso. Noi eravamo così, ci presentavamo con tutti questi ideali, giovani di ogni estrazione sociale, giovani del mio paese,  con ideali forti e militanti. Abbiamo lottato per la nostra ed altrui DEMOCRAZIA, accolto e contribuito a sfamare i profughi di soprusi e torture ideali e fisiche. Siamo coloro che hanno inveito alle vergogne dei Pinochet, dei Videla e di ogni altro despota assassino delle umane ragioni a vivere nelle LIBERTA' e nella propria autodeterminazione politica e sociale. Siamo persone di quella giovinezza e generazione, di passione politica passata a manifestare e combattere per affermare DIRITTI E DIGNITA' per POPOLI diversi. Abbiamo amato le lotte per il progresso e la LIBERTA' dei POPOLI del SUDAMERICA, con gli occhi ed il cuore che palpitava per il CHE', per Fidel, ed in quel contesto internazionale abbiamo militato e manifestato le nostre passioni ideali con determinazione, con forte tensione emotiva. Siamo coloro che hanno amato il Generale Giap ed Ho Chi Minh ed il popolo che li rendeva immortali, odiato il NAPALM degli americani, che in Vietnam toglieva la vita ad altri giovani come noi e mortificava così  il "mito" dei "marines" e di quella "meglio gioventù patriottica" che in quel tempo vide la più grande e più cocente disfatta militare e politica ad un prezzo non ancora saldato per loro stessi e per altri. Siamo la generazione di coloro che hanno intonato canzoni di PACE contro il regime militare dei colonnelli in Grecia, poi abbattuto. Siamo la generazione che ha discusso di tutto e su tutto, della CINA, dell'URSS, dell' IMPERIALISMO, del COLONIALISMO, del RAZZISMO, dell' APARTHEID, delle DITTATURE, del COMUNISMO, del SOCIALISMO,  del LIBERISMO. Siamo di quella generazione che ha amato i dissidenti neri del Black Panter, con negli occhi ancora i pugni con guanto nero degli atleti neri più veloci al mondo, protesi al cielo, sui gradini OLIMPICI più elevati, affascinati una volta di più dai discorsi di Martin Luther King. Siamo la generazione che in Europa ha visto le lotte dell'ETA nei Paesi Baschi a rivendicare ragioni per una scissione dalla Spagna Franchista. Siamo quella  generazione di giovani allora, che guardava con maggiore benevolenza di altri alle ragioni degli Irlandesi dell' IRA. Siamo la generazione di giovani allora che ha amato gli insorti della "Primavera di Praga" e di tanto altro ancora. siamo inoltre anche la generazione di militanti che ha raccolto ogni bene materiale da inviare ai "terremotati" dell'Irpinia, ricordo le mie amiche di allora, lasciare gli occhi ed il cuore su quelle scarpe nuovissime e modelli unici che si accavallavano nel container stracolmo di tutto, siamo pure coloro che sono andati a Firenze, per liberarla dalla morsa del fango con cui l'Arno le aveva deturpato la storia di gloriosa civiltà, siamo stati anche tanto di altro e siamo pervenuti all'oggi con gli stessi sogni, con lo stesso spirito risoluto a non accettare "gabbie" o "padroni". Siamo di quella generazione che ha pianto, sofferto e tremato, per i tanti caduti, per il terrorismo, nel nostro ed in altri Paesi, sulle strade, sulle piazze, per vie del MONDO, per chi manifestava cercando di acquisire diritti a vivere e sopravvivere, lasciando le loro vite in pegno per altri, per affermare delle dignità che ancora oggi resistono. Siamo la generazione che ha lottato contro ed a favore di Israele, contro ed a favore del POPOLO PALESTINESE, siamo coloro che alle armi dei potenti preferivano la ragione dei GIUSTI ed una unica arma: la PACE. Siamo stati tutto questo e tanto di altro, con torti e con ragioni, ma con spirito volto al conseguimento di bene per tutti con un unico diritto: SOPRAVVIVERE NEL RISPETTO DELLE RAGIONI DIVERSE. Sono cambiati i tempi, le modalità, le gerarchie, tanto tempo ed acqua passato sotto i ponti, ma quella caparbietà a difendere ragioni, no, questa è radicata sotto la nostra pelle e resiste, resiste ancora ed ESISTE, come queste vecchie foto nelle quali qualcuno dei miei compagni di allora si riconoscerà identificandosi pure nelle passate ragioni per l'oggi.  tullio valerio mazza  www.immaginienonsoloparole.it we remember, we do not forget, we will not forget, ever www.immaginienonsoloparole.it
SAN MAURO PASCOLI 1974 LIBERTA' PER IL CILE

SAN MAURO PASCOLI 1974 LIBERTA' PER IL CILE

1974 LIBERTA' PER IL CILE

1974 LIBERTA' PER IL CILE

Sono cambiati i tempi, le modalità, le gerarchie, tanto tempo ed acqua passato sotto i ponti, ma quella caparbietà a difendere ragioni, no, questa è radicata sotto la nostra pelle e resiste, resiste ancora ed ESISTE, come queste vecchie foto nelle quali qualcuno dei miei compagni di allora si riconoscerà identificandosi pure nelle passate ragioni per l'oggi.  tullio valerio mazza Oggi 30 novembre 2017 PERPETUO, ergastolo agli argentini assassini criminali dei "desaparecidos". Certo non ripaga neppure una lacrima a quelle loro mamme di Plaza de Mayo, ma rende a tutti evidente quale la bussola da seguire, quale parte scegliere per vivere. PERPETUO anche alla logica immonda della cieca violenza politica che la destra argentina con i suoi aguzzini, stuprando le ragioni di tutti, disonorando la storia e le vite di uomini onesti e capaci, ha avuto in dono: PERPETUO. tullio valerio mazza  www.immaginienonsoloparole.it
RIFLESSIONI E NOTE A MARGINE
Allo stesso modo di ieri, non sono preoccupato oggi per le dittature negli altri Paesi pur lottando contro di loro, SONO ALLO STESSO MODO DI IERI PREOCCUPATO PER L'INDIFFERENZA, PER QUEL VOLTARE LE SPALLE, PER QUEL MUTO ANNUIRE, PER QUEL DISERTARE LE URNE E LE PIAZZE NEL MIO PAESE, sono preoccupato per la superficialità di come si fugge dalle proprie responsabilità etiche, morali, civili, POLITICHE per abbandonare e rifuggire dal PARTECIPARE, per il disinteresse al bene di tutti pensando solo a sè, senza lungimiranza, questo mi preoccupa e mi turba di più. www.immaginienonsoloparole.it

Ho scritto parole di fuoco contro le insolenze di governi, governanti, ambasciatori, capi di stato ed organizzazioni malavitose. Assolvo una promessa nella vita fatta per una esortazione di mio padre, in una occasione e per un motivo che (forse ) racconterò, questa: VALERIO, QUAND T'CI SICHEUR DA L'ES DE CAENT DE GIOST, NO DA D'INDRI' GNENCA SE T'FOS DAVAENTI ME RE. (valerio quando tu avessi la certezza di essere dalla parte della ragione, non indietreggiare neppure di fronte ad un re). Si, babbo, te lo prometto. Lui non c'è più, ma sa che finora, gli sono stato ubbidiente.

 www.immaginienonsoloparole.it    
essere schierati filosoficamente, eticamente, politicamente dalla parte di quelle persone che hanno di meno non significa avvalorare il fatto che siano DA MENO O VALGANO DI MENO, ma che avanzano ciò che altri hanno già avuto !!! www.immaginienonsoloparole.it   
we remember, we do not forget, we will not forget, ever www.immaginienonsoloparole.it