Langhe Piemonte Monferrato colline tartufi nocciole vini, incanti

Langhe Piemonte Monferrato colline tartufi nocciole vini, incanti

Langhe Piemonte Monferrato colline tartufi nocciole vini, incanti Colline Romagnole di come quando eravamo giovani e fuochi d'artificio sul tempo che và... Colline Romagnole, come quando eravamo giovani ed il fiume Uso, il fiume Marecchia, le colline, la pianura, la Costa Romagnola, il Mare Adriatico, la spiaggia, tutto viveva di una luce particolare e diversa da quella di oggi, come fuochi d'artificio sul tempo che và...                                                                                                                                                                                                            colline romagnole                               www.immaginienonsoloparole.it  Quanti ricordi, ma se ripenso a ...quando il sabato era ancora e sempre un' alba e la domenica non finiva mai...allora sento anche molta nostalgia.    Profumi intensi di casa e gioventù. Sale di vita sulla mia adolescenza, come tanti fuochi d'artificio sul tempo che và...inesorabile, luminosissimo e fatuo. fuochi d'artificio sul tempo che và...
TUTE BLU, CAMALLI E TUTTI QUANTI NOI…E QUELLA PORTA
Per cortesia andatevene, passate velocemente la mano ad altri. Ho visto immagini offensive per tutti quanti noi e di altri prima di noi, quelli di un passato glorioso di passioni, di lotte, di speranze, di idealità, di onestà politica ed intellettuale, di sentimenti forti e sogni importanti. Nessuno mai si sarebbe azzardato ad inveire, insultare, irridere, assalire od avvicinarsi a QUELLA PORTA, QUELLA SEDE, che oggi è stata difesa solamente ed a disonore vostro da corpi militari e non invece come sarebbe successo altrimenti ed in altro tempo, da attivisti dalle braccia sincere e da tutti coloro che hanno amato un partito, la sua storia, le sue lotte ed i propri dirigenti, da coloro che li hanno protetti nei cortei, nei comizi, nelle manifestazioni di piazza, tenendo ordine ed ordinate milioni di persone, senza ferire, sempre a viso aperto ed a testa alta, tute blu, camalli e tutti quanti noi. Quelle braccia di ieri che oggi sono sparite a far posto a quelle militari, avevano la forza ed il consenso , il sostegno ed il rispetto di milioni e milioni di lavoratori, lo stimolo di riconoscersi in una ragione di vivere con orgoglio, sapendo di rappresentare un popolo di gente onesta, volitiva, pulita, orgogliosa, tenace. Toglietevi di mezzo, passate la mano se non avete identica stoffa e coraggio, se vivete per altre viltà, rintanati nelle stanze temendo una folla di gente che lavora e reclama sull’uscio dei diritti che voi intendete negare o non sapete più rappresentare. Allontanatevi dal gestire un potere senza quella dignità dimostrata invece da altri che PER QUELLA PORTA sono entrati ed usciti con il consenso ed il rispetto di tutti, antagonisti ed avversari compresi. Per carità non fate mai più azioni e comportamenti analoghi ad oggi nella continuità di un nome che va rispettato per quanto abbia prodotto, di lotte, conquiste, progresso, di un passato glorioso, per cortesia non tergiversate oltre, andatevene, emarginatevi autonomamente e staccate la spina a quella corrente che alimenta continuità nella storia di un partito che voi così sciaguratamente avete infangato.            tullio valerio mazza  www.immaginienonsoloparole.it
 
LA PORTA IN FACCIA
Nel bel mezzo e nella fase decisiva della campagna elettorale per l’elezione di un presidente degli USA, l’uomo o la donna più influente del pianeta, Matteo sei andato ad omaggiare a nome tuo e per l’Italia intera quello uscente, tifoso accanito dell’una ed ostile all’altro, senza misurarne gli effetti sul futuro di tutti. Non ti ha neppure sfiorato l’opportunità che il dopo potesse riservare a ciascuno di voi sorprese amare, talentuosi come siete nel rifuggire atteggiamenti prudenti, misurati, sapienti, diplomatici o solamente di buon senso. Hai dato per scontato, come in diverse altre occasioni che la saccenza e la protervia di cui sei pervaso, ti assistesse, così non è stato. Oggi ti rechi nello stesso Paese, solo e con il fardello delle divisive condizioni che hai seminato a cercare fortuna ed ispirazioni come e da novello pioniere di una corsa all’oro, asserendo un ritorno al futuro che personalmente reputo già passato.
Cerchi dialogo ed asilo, benevolenza ed amicalità, protezione e viatico per un poi, da chi e dove hai seminato altro? Hai avuto risposte: non si concede ascolto a capitò dell’ultima ora, non si concede dialogo ed udienza a chi con troppa frenesia ha osteggiato e dileggiato comportamenti e fare, non si elargisce credito se non a personaggi influenti che sappiano ascoltare senza mutar di gabbana ad ogni stormir di fronda. La porta in faccia, appunto! Ne prevedo altre!
tullio valerio mazza   
                                                                                                                                                                                 L’ITALIA E’ E RESTA INDOMABILE PER CHIUNQUE
IMMAGINI E NON SOLO PAROLE                                  VENERDÌ 3 MARZO 2017
Ci ha provato Annibale con la guerra di movimento ed i suoi elefanti, ci hanno provato tutti i popoli del nord e dell’est con ogni mezzo e misura, saccheggiando e distruggendo più volte un Impero ed il suo cuore, ci hanno provato Imperatori, Sovrani nostrani e di mezza Europa ripetutamente, ci hanno provato i PAPI per secoli e secoli, ci hanno provato i Kaiser, i Duci ed i Re, ci ha provato Napoleone, gli Austriaci, i Tedeschi, gli Spagnoli ed innumerevoli altri, ora ci stanno provando pure politici corrotti, banchieri e bancarottieri fraudolenti. L’ITALIA E’ E RESTA INDOMABILE PER CHIUNQUE, RISORGE OGNI VOLTA INVIOLATA E RIBELLE, OSTILE A VINCOLI E VESSAZIONI. GLI ITALIANI SONO UN POPOLO MERAVIGLIOSO, INESTINGUIBILE ED INESAURIBILE PER RISORSE E CAPACITA’, ANCHE STAVOLTA SAPRA’ RICONQUISTARE LA LIBERTA’ E LIBERARSI DAI LESTOFANTI CHE NE IMBRATTANO E DETURPANO IL VISO E LA DIGNITA’, NE SONO CERTO: L’ITALIA E GLI ITALIANI VINCERANNO CONTRO CHIUNQUE NE OFFENDA L’ONORE.          tullio valerio mazza