CASE CASERME CASTELLI il colle dell’infinito Montefiore Conca ROCCA MALATESTIANA XIV secolo

CASE CASERME CASTELLI il colle dell’infinito Montefiore Conca ROCCA MALATESTIANA XIV secolo

07795

CASE CASERME CASTELLI  il colle dell'infinito Montefiore Conca  ROCCA MALATESTIANA XIV secolo

CASE CASERME CASTELLI Montefiore è la capitale medioevale della Valle del Conca e uno dei paesi della Signoria dei Malatesta più significativi.  Montefiore rientra nel prestigioso circuito dei “Borghi più belli d’Italia”. La Rocca, come sentinella di pietra delle terre malatestiane, offre, con le sue geometrie severe e imponenti, scorci davvero unici. Sorge su un promontorio dove, nelle giornate serene lo sguardo abbraccia la costa da Fano a Ravenna ROCCA MALATESTIANA XIV secolo      www.immaginienonsoloparole.it CASE CASERME CASTELLI CASE CASERME CASTELLI  CASE CASERME CASTELLI CASE CASERME CASTELLI  CASE CASERME CASTELLICASE CASERME CASTELLI CASE CASERME CASTELLI CASE CASERME CASTELLI  il colle dell'infinito Montefiore Conca Montefiore è la capitale medioevale della Valle del Conca e uno dei paesi della Signoria dei Malatesta più significativi. Non a caso Montefiore rientra nel prestigioso circuito dei “Borghi più belli d’Italia”. La Rocca, come sentinella di pietra delle terre malatestiane, offre, con le sue geometrie severe e imponenti, scorci davvero unici. Sorge su un promontorio dove, nelle giornate serene lo sguardo abbraccia la costa da Fano a Ravenna ROCCA MALATESTIANA XIV secolo      www.immaginienonsoloparole.it CASE CASERME CASTELLI  CASE CASERME CASTELLI CASE CASERME CASTELLI     CASE CASERME CASTELLICASE CASERME CASTELLI  CASE CASERME CASTELLI CASE CASERME CASTELLI Il bello dell’arte che promuove l’arte del bello  I love Italy and its artistic treasures, from this web site propose to the whole world, thanks to you for your attention Mi propongo con la pubblicazione ripetuta di foto e parole di incrementare la sensibilità e la fruibilità del bello, dell’arte, della cultura del nostro passato e presente. Abituato a cogliere dagli altri quelle prerogative che li differenziano positivamente come capacità e cultura vorrei mutuare per il mio Paese una opportunità che ho colto nella città di Londra. Ogni MUSEO ha ingresso gratuito e spazi dove sostare per ristoro personale sia al chiuso che all’aperto. Rendere fruibile il sapere ed il conoscere con il solo obbligo di aggiornare le proprie conoscenze e fare volano delle proprie capacità ed iniziative. Il bello dell’arte che promuove l’arte del bello. In quella città ho trovato, al contrario luoghi di culto, di ogni religione con ingresso a pagamento, una specie del detto “chi vuol Dio se lo preghi e se lo paghi”, ho riflettuto a lungo prima di aprire a tutti questo articolo, con sofferenza, data la storia ed i conflitti attuali tra religiosità differenti, ma una volta di più concordo con gli Anglosassoni. Del resto anche nel nostro amato Paese questa attitudine è presente quasi ovunque oramai. Altra considerazione e proposta; quella di rendere fruibile a soggetti pubblici, enti, associazioni, uffici, luoghi ed edifici d’arte e musei, ove possibile ed opportuno, poichè lavorare o recarsi in luoghi unici al mondo stimola emozioni e rispetto per la cultura e per se stessi come nessuna altra cosa, un pungolo aggiunto a migliorare noi stessi e ad accrescere il rispetto per ciò che rappresentiamo nel mondo. Musei aperti e gratuiti e fruibili inoltre come uffici territoriali. Pensiamoci e lavoriamoci, ciò è possibile. Promuovendo il bello per tutti, aumenterebbero le richieste di prodotti Italiani di ogni genere e fattura, considerare il nostro passato unico, irripetibile, straordinario ed inarrivabile e renderlo manifesto con Musei aperti e gratuiti, certo diminuirebbero gli incassi di quelle strutture, ma quanto crescerebbero le capacità produttive e le richieste per i soggiorni e tanto di altro, se la pubblicità al nostro Paese è di una qualità indubbiamente OVER THE TOP ? ROCCA MALATESTIANA XIV secolo      www.immaginienonsoloparole.it