In ogni manifestazione dove il mondo del lavoro abbia parte, campeggino al vento bandiere rosse free man thinker

In ogni manifestazione dove il mondo del lavoro abbia parte, campeggino al vento bandiere rosse free man thinker

08625

In ogni manifestazione dove il mondo del lavoro abbia parte, campeggino al vento bandiere rosse  free man thinker 

campeggiano al vento bandiere rosse

Riflessioni di tullio valerio mazza immagini e non solo parole www.immaginienonsoloparole.it #terremoto #tsunami per le idee

#iostoconiprodottiitaliani

Questo colore i lavoratori non lo scelsero a caso, simboleggia il sacrificio e la lotta per un riscatto sociale e per quelle libertà negate o sognate, da raggiungere o conquistare

Questo colore i lavoratori non lo scelsero a caso, simboleggia il sacrificio, la lotta, il sangue e serve a celebrare solennemente quello versato da ogni compagno caduto. Chi ignora od irride tale drappo sventolante, offende ognuno di loro, offende la coscienza, offende la civiltà, offende la democrazia ed insulta la ragione. Con questo simbolo quegli uomini, quei lavoratori ci hanno consentito di essere ciò che siamo ed abbiamo oggi, una straordinaria opportunità mai vissuta prima, quella di potere discutere alla pari con un padrone qualsiasi e chiunque altro egli sia, guardandolo negli occhi ed alla pari, non come chi lo ha potuto fare soltanto da in ginocchio e con un cappello in mano. Ci hanno permesso di alzare ed elevare coscienze quelle bandiere rosse. Hanno consentito a uomini senza alcun diritto che lavoravano dall’alba al tramonto senza alcun rispetto delle loro dignità, disprezzati, insultati e derisi, di alzare la testa, di ergersi in piedi, di confinare il lavoro in un tempo pattuito e renderlo dignitoso con un salario. Non disprezzato e senza alcun valore come la loro vita. Hanno consentito a tutti, quelle bandiere di rendere dignitosa e degna la vita ognuno e di conferire al lavoro un rango onorevole. Bandiere rosse fatte di uomini onesti, giusti, una stoffa rara in ogni epoca della storia, conserviamola con cura, con amore, con rispetto. Bandiere forgiate e tessute nel sacrificio estremo delle proprie vite, sparse sui campi del lavoro, nelle miniere, nelle fabbriche, sui monti, in mare, ovunque una sirena scandisse un tempo, ovunque la bocca di un figlio invocasse fame. Ovunque il sole baciasse il suolo. Poi lasciate sulla terra e sull’asfalto, per scioperi e rivendicazioni assetate di vita, con la bramosia di un futuro migliore per tutti. Poi tolte con vigliaccheria e nell’ombra per bramosia di profitto. Un prezzo altissimo di vite e di vita. Poiché credo che ognuno di loro ci direbbe che ne è valsa la pena, abbiamone cura, abbiamone rispetto, abbiamone amore, facciamole garrire al vento, al sole, alla luce di un radioso futuro per chiunque si affacci alla vita e per l'umanità intera. Ancora. www.immaginienonsoloparole.it            tullio valerio mazza #dialoghi in libetà Sono contrario ai #licenziamenti o punizioni per causa di coscienza e non di merito, come imporre un turno di lavoro proprio nel giorno in cui per religione una persona la dedica alla propria fede. Sono invece favorevole alle eventuali sostituzioni, collocazioni in ambiti accettabili per chiunque, tanto da fare fruire di un diritto chiunque ne abbia opportunità, paziente od operatore. Invito tutti quanti voi a leggere la storia e la vita di un "#obiettore di coscienza" contro l'uso delle armi e l'uccisione di uomini, protestante, appartenente alla #chiesa avventista del settimo giorno, #Desmond Doss, che nella seconda guerra mondiale, con le truppe d'assalto in primissima linea combattè senza armi, salvando la vita di decine di commilitoni e la propria. Subì la propria #corte marziale, vessazioni infinite da parte di tutti, ma a nulla valsero le convenzionali leggi degli uomini contro una coscienza ed una fede della propria fede. Ebbe ragione su tutti, guadagnò e meritò il massimo della gloria terrena ed il rispetto di tutti. Certo le leggi devono essere rispettate ed onorate. Certo le regole rispettate ed i #obiettore di coscienza, pure le coscienze in buona fede, con tutto ciò che comporta, in un senso od in un altro, poichè regole e leggi possono mutare, sempre in un senso od in un altro. Riflettiamo con maggiore attenzione, me compreso ed a mente più serena  www.immaginienonsoloparole.it! sognatori virtuali per sogni reali ecchevoletechecifaccia amo i "pro" che hanno qualcosa da dire, anzichè gli "anti" che polemizzano e basta La verità in faccia non offende e non fa male. La demagogia e la falsità, al contrario irritano la ragione di tutti RIFLESSIONI DOMENICALI Siamo un popolo di gente coraggiosa e se siamo dove siamo, ai primi posti al mondo tra le nazioni, per civiltà, qualità della vita e progresso, lo dobbiamo all'unica materia estraibile che possediamo: quella grigia dell'intelligenza. Non possediamo colonie, giacimenti, ricchezze di sottosuolo, dunque le nostre ricchezze hanno avuto ben altre provenienze e percorsi. Siamo un popolo di persone che sanno cavarsela da soli, rimboccando le maniche ed attivando neuroni e coscienze. Non perdiamoci, nelle pozzanghere della sterile contrapposizione inconcludente, ritorniamo noi stessi:gente forte,capace,intelligente. Questa è l'Italia che ci merita, l'Italia che noi meritiamo e che il mondo intero ci invidia, per l'intelligenza di quella materia grigia che abbonda in ogni famiglia che l'abita. Non dissipiamola invano o vanamente. tullio valerio mazza La mia maglietta di oggi pertanto tende al grigio, poichè memore del fatto che i miei governi hanno fomentato e partecipato a guerre che hanno destabilizzato governi e confini, popoli e culture. Governi che hanno deliberatamente massacrato famiglie, capi di stato e distrutto parlamenti ed equilibri politici. Ho molti difetti, quello della memoria e dell'amore per le verità pure. Le mie magliette rosse sono disseminate lungo un percorso tracciabile , macchiano la punta delle dita, la lingua e la memoria di parole scritte sul foglio. Le mie magliette rosse, non sono addosso, ma al vento, alte a sventolare per tutti, ad indicare al cielo il colore del pensiero e la direzione del cuore, non addosso, ma dentro. tullio valerio mazza PAROLE D'ORDINE per evocare partecipazione hanno seguito solo se richiamano valori, mai se evocano ostilità (tvm) Allora, signor macron, queste scuse e le sue dimissioni, quando ? Io, italiano offeso, attendo. Alors, monsieur Macron, ces excuses et votre démission quand? Moi, italien offensé, j'attends. So, Mr. Macron, these excuses and your resignation when? I, Italian offended, I wait. Also, Mr. Macron, diese Ausreden und Ihr Rücktritt wann? Ich, Italiener beleidigt, warte. Entonces, Sr. Macron, ¿estas excusas y su renuncia cuando? Yo, italiano ofendido, espero. Итак, мистер Макрон, эти оправдания и ваша отставка, когда? Я, итальянец, обиделся, я жду. Então, Sr. Macron, essas desculpas e sua renúncia quando? Eu, italiano ofendido, espero. IL PASTORE NON DEVE DARE POTERE AL CANE, MA VALORE AL GREGGE STRADE PERSE troppi si inzuppano (ignari) pochi assorbono (consapevoli) ...ma che il contrario non sia mai la via peggiore...tvm se chiedi a tanti che mi avevano chiesto un parere sul caso in oggetto, ti sarà facile comprendere le ragioni della mia anticipata ed azzeccata previsione. Sono anni che indico alla federazione ciclistica di stilare due classifiche per i ciclisti 1 per coloro che corrono con certificato medico 2 per coloro che sono "sani". Sinteticamente una domanda-considerazione-riflessione questa: se vero è come vero che lo sport fa bene alla salute, com'è che chi eccelle nel ciclismo professionistico mondiale sono i malati? Sai anche che me ne intendo un po...ed ho pure titolo per intervenire. Da te una riflessione, magari silenziosa, dai dirigenti una risposta credibile...attendo Che sia una buona giornata per riflettere e magari per qualcuno ravvedere o rivisitare la propria idea su rifugiati, migranti, mafie, ong, trafficanti di schiavi, nuove povertà, profitti illeciti ed immorali, politiche ostili od accoglienze negate. Pensare in forma e modo civile per indurre ad agire con intelligenza chi ci ci governa. Per dirla con una canzone a me cara...come può uno scoglio, arginare il mare...ecco, proprio così, consapevoli di essere solo una piccola pietra, almeno io, si, che non si arrende mai, nemmeno alla potenza delle onde, e con l'aspettativa che voi tutti siate scoglio insuperabile. tullio valerio mazza Veramente noi siamo tante cose diverse, Abbiamo perseguito politiche di accoglienza, con coraggio e molte stupidità. Abbiamo commesso tanti errori e tante ingenuità, ma nessuno può insegnare a TUTTO il popolo italiano la misericordia e la pietà verso i deboli. Altro aspetto la lotta alle organizzazioni malavitose, criminali ed assassine, torturatori di povera gente illusa ed indifesa. Non tutti delinquono (coloro che aspirano ad un mondo migliore), come non tutti sono ingenuamente coinvolti. Ritengo che le migrazioni non possano essere arginate con misure di sola ostilità. La storia insegna che da migliaia di anni queste avvengono ( neppure i faraoni poterono impedirle...) come in ogni altro angolo della terra (la grande muraglia cinese) nessuno ha potuto fermarle, ma solo gestirle. Ecco la chiave della riflessione signora Paola, comprendere per capire, sapere per fare ed avere conoscenze e capacità per interpretare il futuro per tutti. Il mare continuerà a produrre impatti sullo scoglio e questi si adeguerà, formattandosi ogni volta, modificandosi ed adattandosi, diversamente diventerà polvere o subirà la legge di adagiarsi sul fondo, dimenticato, inutile, ricoperto di sabbia. Che sia una buona giornata per riflettere e magari per qualcuno ravvedere o rivisitare la propria idea su rifugiati, migranti, mafie, ong, trafficanti di schiavi, nuove povertà, profitti illeciti ed immorali, politiche ostili od accoglienze negate. Pensare in forma e modo civile per indurre ad agire con intelligenza chi ci ci governa. Per dirla con una canzone a me cara...come può uno scoglio, arginare il mare...ecco, proprio così, consapevoli di essere solo una piccola pietra, almeno io, si, che non si arrende mai, nemmeno alla potenza delle onde, e con l'aspettativa che voi tutti siate scoglio insuperabile. tullio valerio mazza NESSUNO MAI HA IMPEDITO MIGRAZIONI faraoni,imperatori,dinastie, muraglie,reti,scudi OCCORRONO INTELLIGENZA E MISURATA SAPIENZA Brutta malattia, difficilmente curabile la  prepotenza. Se poi lo è a prescindere, diventa incurabile. La verità è sempre superiore alla bugia, poichè dimostrabile e riproducibile. La bugia non lo è, pur a volte fraudolentamente utile, ma sempre censurabile. #RIFLESSIONI DOMENICALI Siamo un popolo di #gente coraggiosa e se siamo dove siamo, ai primi posti al mondo tra le nazioni, per civiltà, qualità della vita e progresso, lo dobbiamo all'unica materia estraibile che possediamo: quella grigia dell'intelligenza. Non possediamo colonie, #giacimenti, #ricchezze di sottosuolo, dunque le nostre ricchezze hanno avuto ben altre provenienze e percorsi. Siamo un popolo di persone che sanno cavarsela da soli, rimboccando le maniche ed attivando neuroni e coscienze. Non perdiamoci, nelle pozzanghere della sterile contrapposizione inconcludente, ritorniamo noi stessi:gente forte,capace,intelligente. Questa è l'Italia che ci merita, l'Italia che noi meritiamo e che il mondo intero ci invidia, per l'intelligenza di quella materia grigia che abbonda in ogni famiglia che l'abita. Non dissipiamola invano o vanamente. tullio valerio mazza La mia maglietta di oggi pertanto tende al grigio, poichè memore del fatto che i miei governi hanno fomentato e partecipato a guerre che hanno destabilizzato governi e confini, popoli e culture. Governi che hanno deliberatamente massacrato famiglie, capi di stato e distrutto parlamenti ed equilibri politici. Ho molti difetti, quello della memoria e dell'amore per le verità pure. Le mie magliette rosse sono disseminate lungo un percorso tracciabile , macchiano la punta delle dita, la lingua e la memoria di parole scritte sul foglio. Le mie magliette rosse, non sono addosso, ma al vento, alte a sventolare per tutti, ad indicare al cielo il colore del pensiero e la direzione del cuore, non addosso, ma dentro. tullio valerio mazza  www.immaginieononsoloparole.it Avevamo tante cose in più che oggi non ritroviamo ma ora abbiamo tanto di più che ieri non conoscevamo, questa una delle ragioni per la quale guardando al passato di tutti con attenzione, benevolenza e simpatia, possiamo trarre confronti importanti per il destino di ognuno. Saremo per ciò che siamo stati, siamo stati per come ci vediamo attualmente e per come siamo riusciti a disseminare di vita i nostri percorsi. Siamo benevoli con le capacità espresse ma corretti, adeguati, misurati, onesti, imparziali, disponibili a comprendere anche  altre ragioni, separando accuratamente la buona semente dal resto,  nel valutare il bene ed i difetti del nostro agire, questa la chiave che apre il futuro migliore per tutti, la ragionevolezza della ragione comune. La sapienza di scegliere il giusto pensando al plurale. Tuttavia la vicenda di queste bandiere svanite non ci rende migliori. In troppi hanno solo abbozzato, rosicato, taciuto. I temi del vivere strettamente connessi alle qualità dell’ambiente non ci consentono di essere “isolatamente” migliori. Se più ricchi e benestanti di altri e ci accomodiamo su divani più adatti, respiriamo la stessa aria, dentro e fuori di ogni casa, “quella” ci migliora o peggiora la vita. Ci cibiamo delle medesime od analoghe cose pur potendole pagare di più, non diversamente. Ironia della sorte riceviamo in resto la stessa moneta da quell’ambiente che trattiamo e coltiviamo con disinteressato riguardo o rispetto oculato. Interessa l’articolo? Richiesta semplice alla quale solo pochi reagiscono. Anche se solo per pochi, resta però un problema per tutti…così non invidio le bandiere di altri ma piango su quelle perdute che non ho più impolverando così maggiormente pensieri e pelle, rendendola viva poiché scorticata non vivente poiché brillante.

#iostoconiprodottiitaliani

Avverto nell'aria un certo vento di ritorno che fischia, che bussa e che sale  free man thinkerimg_8589