Admin perchè la censura? I am a little pencil, censure, code di paglia, arroganza inutile per le sconfitte dei perdenti !!! 10 dicembre giornata celebrativa e propositiva dei DIRITTI UMANI

Admin perchè la censura? I am a little pencil, censure, code di paglia, arroganza inutile per le sconfitte dei perdenti !!! 10 dicembre giornata celebrativa e propositiva dei DIRITTI UMANI

  Admin perchè la censura? I am a little pencil, censure, code di paglia, arroganza inutile per le sconfitte dei perdenti !!!                                  10 dicembre giornata celebrativa e propositiva dei DIRITTI UMANI
NESSUNO DI NOI VALE MENO DI OGNUNO DI VOI I privilegi non sono diritti acquisiti, sono intolleranti speculazioni e mortificazioni per le persone oneste e dignitose. Via i privilegi, ricalcolo delle pensioni sui parametri di tutti quanti noi e mai più privilegi di casta. Nessuno di noi vale meno di ognuno di voi. tullio valerio mazza
NESSUNO DI VOI VALE PIU' DI CIASCUNO DI NOI. Basta, azzeriamo i privilegi di casta, sono un insulto alla carta costituzionale ed alla dignità delle persone   www.immaginienonsoloparole.it
 Buonasera a tutti sono una matita ma vi posso cambiare il Mondo GOOD EVENING   10 dicembre giornata celebrativa e propositiva dei DIRITTI UMANI       SINGOLARE il silenzio che parla, anzi che urla. Odo un certo rosicar dietro silenti ostilità tacer ora mute.        Censure, code di paglia, arroganza inutile per le sconfitte dei perdenti !!! Molti non lo sanno, alcuni fingono di non sapere che esistono regole etiche, morali, responsabilità personali per chi affida e spedisce pensieri ed immagini sul web. In ogni motore diffusivo e di ricerca esistono fantasiosi dispositivi regolati da algoritmi ed altro che individuano immagini o parole sconvenienti, sconce, inadeguate o corrotte nella morale e nella sostanza e le censurano, così come coloro che le pubblicano con sanzioni a tempo o chiusura totale dei loro profili. Poi ci sono le pagine locali, i gruppi più o meno chiusi, con amministratori privati o pubblici che decidono autonomamente su chi, come, quando accettare o negare articoli o cancellarli senza rispettare le regole generali enunciate poc’anzi. Sono una specie di “dittatori” sul web, senza censori, con illimitati poteri incontrastati. Forse. Vi chiederete la ragione di questIMG_7099o mio articolo, ma l’essere incorso gratuitamente e senza motivo, senza avere infranto regole,  nelle ire di uno di questi admin dalla coda di paglia, che richiamato da una fioca voce amicale, ha cancellato pur poche parole di un mio intervento, mi ha lasciato basito. Si è fatto compiangere l’arrogante inutilità del suo gesto malvagio e sbagliato. Senza avere io violato alcuna regola etica del web e duemilioniquattrocentoepassamila letture e fotografie dei miei articoli in 98 paesi del mondo passati ad ogni vaglio etico di sorveglianza lo testimonia,  ma questi, solo per soccorrere dall’ombra un suo amico dialetticamente soccombente ed irriso da se stesso per l’insipienza e superficiale stoltezza del merito è intervenuto come una mamma chiamata da un figlio invocante aiuto a dare ostracismo ad idee non offensive, ad un argomentare lecito e propositivo, che ne attizzava i bollori e la rabbia per una cocente sconfitta subita di recente. Non hanno saputo abbozzare, tergiversare, non hanno saputo resistere alla loro arroganza impotente e sono diventati ferocemente ostili. Accecati e compresi in un  potere che ora li irride inchiodati a quel fare. Ha evocato ricordi della mia gioventù quando le parole venivano occultate artatamente da poteri biechi, arroganti o delittuosi, ad impedire progresso e civiltà, una cosa triste e penosa che li rende ancora tali, complici di una vigliaccheria senza sostanza e futuro. Questo tipo di atteggiamento riesce nel miracolo di renderli  da sconfitti in un confronto, in un atteggiamento illiberale,  dei perdenti per sempre. Conoscerne i nomi, incontrarli ancora e duellare a parole con loro, sul web od altrove, sarà per me di un piacere infinito, poiché da loro stessi hanno scelto il ruolo di perdenti ed a vita pagando solo il prezzo di una sola sconfitta dialettica e di inopportunità per così tanto poco e misura mi allieta e mi sconforta. Mi sconforta poiché pagano un prezzo altissimo per un fatto banale, divenuto però così sostanziale, così che questa ragione e merito  li offende ancora e di più. Buon lavoro admin l’hai combinata grossa e lo sai. poiché a te restano la vergogna e la censura, non posso intervenire né sull’una, né sull’altra, resterà  affartuo e del tuo compare, pensaci a testa bassa, ma pensaci.      tullio valerio mazza P.S. A completezza d'informazione per chi ci legge questo è ciò che hai censurato con l'aggiunta ed a soccorso di commenti infelici del tuo invocante protetto                    Presidente, Signor Presidenteeee VOGLIAMO VOTAREEEE                                                                     (cinque parole che sono state commentate e visualizzate tuttora sull'universo del web in altri siti, fb, twitter, google+) Scusate se intervengo su aspetti e dettagli che non riesco a valutare appieno, ma che intuisco dalle vostre diversificate argomentazioni, lamentele, punzecchiature. Tutto ciò, in quanto non ho il consenso di potere vedere, nè i post, nè gli articoli con risposte, nè le cose dette ed oramai censurate. Ho scritto in passato, sulla protervia degli ADMIN, sulle pagine locali e sulla scelleratezza di code di paglia, di piccoli uomini senza coraggio. Metto a disposizione di tutti voi le mie pagine, il mio sito web, www.immaginienonsoloparole.it , il mio blog su FB immagini e non solo parole, per confronti adeguati e meritevoli di pur accese ed accanite dispute. Solo un confronto aperto ed argomentato, può creare conoscenza, approfondimento, scelte e merito ad idee ed idealità. A disposizione di asserire opinioni ed accendere verità. tullio valerio mazza I MURI escludono i PONTI congiungono ad ognuno di noi la scelta se e cosa erigere sul confine della propria coscienza tullio valerio mazza www.immaginienonsoloparole.it   GOOD MORNING     Hello everyone I am a little pencil ... but if you use me more I can change the world                                                                   www.immaginienonsoloparole.it   Buonasera a tutti sono solo una piccola matita solo una piccola, semplice, fragile, potentissima ed insostituibile compagna di vita: UNA MATITA      Buonasera a tutti sono una matita ma vi posso cambiare il MondoHello everyone I am a little pencil but if you use me more I can change the world               REFERENDUM IO VOTO NO    Siamo arrivati al momento del "reset" tutto ciò che è stato scritto, tutto ciò che è stato detto, fatto, registrato ed elaborato nelle nostre menti e mediato dall'intelligenza, ha oggi termine. Si scriveranno pagine nuove. Restiamo appesi per il giudizio, per il risultato finale, siamo ora nelle tue mani, cara matita, a te il compito di esercitare e condurre le nostre passioni ideali e convincimenti verso un futuro destino, hai il compito e l'onere di decidere tu sola, ora, sola ed in assoluta libertà, il destino di NOI tutti. Mi auguro che tu possa premiare la dolcezza, la delicatezza, il calore e la verità delle NOSTRE mani per come ti hanno accarezzata ed accompagnata trattandoti con cura, rendendoti merito ed attenzione. Cara matita scrivi e disegna per tutti quanti NOI orizzonti di pace, di libertà, di democrazia, di uguaglianza, di verità, premiando tutti coloro che hanno amato il tuo fare gentile, con rispetto e misura, con sapienza e perchè NO anche con giuste ragioni. Cara matita affido e trasferisco pertanto il mio futuro  dalla mia mano alla tua. tullio valerio mazza to CONSTITUTIONAL REFERENDUM I vote NO help me to avoid the drift in the authoritarian sense, maintaining the existing freedoms and rights invited to vote NO every Italian citizen  Yo voto NO referéndum constitucional para que me ayude a evitar la deriva de forma autoritaria, para mantener los derechos y libertades existentes invitados a votar NO a cada ciudadano italiano www.immaginienonsoloparole.it Link non sponsorizzato al REFERENDUM COSTITUZIONALE io voto NO aiutatemi ad evitare la deriva in senso autoritario, per mantenere le attuali libertà e diritti invitate a votare NO ogni cittadino italiano    Not sponsored link to CONSTITUTIONAL REFERENDUM I vote NO help me to avoid the drift in the authoritarian sense, maintaining the existing freedoms and rights invited to vote NO every Italian citizen 
Buongiorno a tutti sono una piccola matita ma...se mi utilizzate di più vi posso cambiare il Mondo

Buonasera a tutti sono una piccola matita ma...se mi utilizzate di più vi posso cambiare il Mondo

Hello everyone I am a little pencil ... but if you use me more I can change the world     tullio valerio mazza   Buonasera a tutti sono solo una piccola matita ma...se mi utilizzate di più vi posso cambiare il Mondo         tullio valerio mazza   QUATTRO ORE E SETTANTANNI E LE RAGIONI PER UN NO Per quanto accade nel mio amato Paese, stanno arrivando i “saldi” di fine stagione politica? Mi riferisco al Referendum Costituzionale. Una ragione per votare NO, settant'anni di pace consecutiva mai sperimentati prima come POPOLO, ora "questi" intendono governarci come un'azienda, senato identico ad un consiglio di amministrazione fatto di amici, parenti, chiamati tra loro asserendo che così riescono a fare svelto su tutto...MA AVETE IMPIEGATO QUATTRO ORE, duecentoquaranta minuti, una mezza giornata di lavoro di altri per AUMENTARVI GLI STIPENDI ED I PRIVILEGI, di quale altra sveltezza avete bisogno? Per restare ciò che sono voto NO    www.immaginienonsoloparole.it
Buongiorno a tutti sono una piccola matita ma...se mi utilizzate di più vi posso cambiare il Mondo

Buonasera a tutti sono una piccola matita ma...se mi utilizzate di più vi posso cambiare il Mondo

Buonasera a tutti sono solo una piccola matita ma...se mi utilizzate di più vi posso cambiare il Mondo         ...stai sereno, stai serena, state sereni....                                                                                                                                                                                     www.immaginienonsoloparole.it                                    tullio valerio mazza   www.immaginienonsoloparole.it  GOOD EVENING    Hello everyone I am a little pencil ... but if you use me more I can change the world       Ci sono innumerevoli oggetti che ci accompagnano nella vita e  raccontano il tempo al tempo e descrivono i tempi che passano, spesso li determina e li modifica, li racconta ad altri, li imprime nella nostra memoria, accende di vita i pensieri non rendendoli vani. Solo alcuni di questi le restano cari e non la imprigionano inutilmente anche se lentamente la dilaniano e la consumano  lasciando tracce profonde del nostro passaggio potendola mortificare al nostro posto e sacrificando la propria anima utilmente per ognuno di noi, uno tra questi LA MATITA, una amica muta che lascia però tracce indelebili del nostro passaggio e dei pensieri che pur cancellati dal foglio restano indelebili testimoni coltivati con quell'anima che pure svanita, resta immortale traccia del nostro cammino. Ed è questa solo una piccola, semplice, fragile, potentissima ed insostituibile compagna di vita: UNA MATITA REFERENDUM IO VOTO NO      TAGLIANASTRI E TAGLIALACORDA Prima delle elezioni presenti ovunque, alacri testimoni di una promozione assidua di se stessi in ogni dove. Da eletti poi questo presenzialismo si è arricchito ed impreziosito della fascia tricolore e vai, sempre più di qua e di là a tagliare nastri ed inaugurare promesse. Simili atteggiamenti di siffatti personaggi definiti da tanti per il loro onnipresente fare ed esserci comunque “TAGLIANASTRI”, appellativo gradevole quandanche significativo e garbatamente ironico che trovava conferme, sorrisi, tolleranze in ogni dove che incuteva pure tenerezza ai più. Poi, poi il Referendum Costituzionale e molti, troppi di questi schierati a promuovere da Sindaci in carica e con la fascia tricolore addosso il “basta un si”, proprio quello batostato dal NO, quelli trombati nelle urne da un risultato impietoso. Mentre qualcuno li ammoniva sulla inopportunità di schierarsi come Sindaci ed invece li spronava a manifestare la loro appartenenza senza ammantarsi di quella fascia che deve rappresentare tutti i propri amministrati e che almeno per prudente consapevolezza occorresse garbo e ben altra virtù, questi invece che accogliere tali proposte, suggerimenti o critiche, si sono ulteriormente consociati ed incaponiti a farsi ritrarre “fascia indosso” con i cartelli del “basta un si”,strombazzandolo in ogni dove, proprio ancora quello che vi ripropongo il ricordo di batostato e trombato nelle urne dal NO. Non hanno accolto il suggerimento di restare moderatamente ai margini della contesa, ma con lo stesso spirito del “taglianastri” partecipato invece accanitamente, insistentemente, ripetutamente. Al prima segue sempre un dopo ed io tra quelli che suggeriva prudenza li ho attesi negli stessi luoghi frequentati  e sulle stesse pagine riempite di proclami con enfasi poco ortodossa, li ho visti disertare. Non un cenno di scuse, non una autocritica, non una piccola ammissione di ammenda, nulla. Ho atteso, ho continuato ad attendere ed ancora nulla si profila all’orizzonte, non una presa di posizione critica, impettiti hanno lasciato tutto il peso della sconfitta al loro “conducador” reo confesso di tutta la disfatta. No cari signori, non concordo con voi neppure ora e su questo, poiché le sconfitte si condividono, così tanto quanto le vittorie, pesano solo diversamente nei gusti e nelle emozioni che scaturiscono ed assaporano il palato di ognuno. Qualcuno ora amareggiato diserta palazzi, cancella riunioni, si defila e non presenzia neppure a consigli comunali o clamori di piazze, tanto che un arguto di penna malevola ma sinceramente e con gusto scrive e conia un altro appellativo da sostituire a quel “taglianastri” di recente memoria, con il meglio meritato ed acquisito sullo stesso campo di ora: “TAGLIALACORDA”.     tullio valerio mazza Yo voto NO referéndum constitucional para que me ayude a evitar la deriva de forma autoritaria, para mantener los derechos y libertades existentes invitados a votar NO a cada ciudadano italiano www.immaginienonsoloparole.it Nobel Oscar menestrelli giullari scelgo ragioni per il #NO  www.immaginienonsoloparole.it  tullio valerio mazza I menestrelli cantano le gesta di eroi sulle vie di tutti, istruendo melodie per bambini estasiati, i giullari saltabeccano alla corte di un re distratto mendicando gli avanzi. I premi Nobel esprimono valori di umanità, capacità, progresso per tutti, appunto valgono poichè scelti per i loro intrinseci valori scientifici ed umani per ognuno di noi.  Gli Oscar sono invece  titoli effimeri di un mondo di celluloide ed esprimono un prezzo che ne moltiplica un altro, sono il prezzo di una di appartenenza ad una diversità. Scelgo e stimo i menestrelli, scelgo e stimo i Nobel, questa una delle  ragioni per le quali scelgo le ragioni del #NO al REFERENDUM COSTITUZIONALE, poichè chiamato a decidere se continuare ad alimentare e mantenere lo spirito del menestrello, libero, onesto, indipendente oppure indotto a vivere da giullare per dovere allietare banchettando con un re distratto, TRA IL PREMIARE I VALORI UNIVERSALI DELLA LIBERTA’, DELLE LIBERTA’, oppure scegliere di stabilire un prezzo alla coscienza, MI SCUSINO I TOSCANI DI TURNO MA IO SCELGO LA LIBERTA’ DEL MENESTRELLO PER CONTINUARE AD AMARE I NOBEL E VOTO #NO Parabola ed iperbole per ragioni di un NO   REFERENDUM IO VOTO NO Non è da oggi che affido le mie riflessioni all’universo del web, ma questa volta la matita affonda più intensamente tra le righe del foglio poiché ho l’anima turbata più profondamente ancora dalla possibilità che vengano scalfiti diritti e stravolti. Mi riferisco ai pericoli di deriva autoritaria insiti nelle modifiche all’articolato della NOSTRA ATTUALE COSTITUZIONE REPUBBLICANA, se tali cambiamenti legislativi venissero accolti. Non ho avuto mai la volontà né l’abitudine di mescolare il sacro con il profano, da laico osservante, ma stavolta sento che occorre cimentarsi con ogni energia e forza della ragione per affermare una volta di più con generosità l’impegno a ragionare per continuare ad essere UOMINI LIBERI, SOVRANI COME POPOLO e non già amministrati da chiamati e “faccendieri di palazzo” senza esserne eletti da urne, dentro cabine elettorali e con quel segreto di pensare e scegliere che ci rende la LIBERTA’ DI ESSERE E DI PENSARE DA UOMINI LIBERI e non amministrati per bolli o per carte. Uomini liberi, non sudditi. Non desidero avallare un giorno di più il fatto che “chiamati” possano detenere il potere sul mio futuro, pretendo invece sia rispettato il DIRITTO CHE HO ADESSO DI SCEGLIERE DA ME STESSO CHI RAPPRESENTI DEGNAMENTE IL MIO PENSIERO E VOLONTA’. Non altro, non altri. Cresciuto in una educazione religiosa dove ho avuto impartita la conoscenza della parabola “molti i chiamati, pochi gli eletti”, che vi invito a riprendere per riflettere sull’epilogo triste riservato a colui che chiamato e non eletto si presentò al banchetto del RE. Ho scritto più volte di ciò su questo sito, articolando ragioni, giuridiche, storiche, sociali, etiche, morali, politiche, non le ripeterò in questo articolo parabola ed iperbole per ragioni di un NO, ne riprendo una sola; asserendo che questa COSTITUZIONE, pur reggendosi su equilibri sottili abbia, tra tanti altri, il merito straordinario ed unico di averci regalato il periodo di pace più duraturo della storia, nelle storie, del nostro paese. Non mi spaventano né mi turbano i cambiamenti, ma sono intimorito per tutti dalle rotture di quegli equilibri di pacificazione sociale e poteri, che possono generare quelle catastrofi umane che la storia ci rammenta quando il potere politico si accentra nelle mani di pochi e di amici di altri. Temo ancora e di più quando il potere di governare si rende facilitato a pochi. Non ho divagato dimenticando la parabola, né l’iperbole, queste figure geometriche sono rappresentate sulla carta da certezze e precisione di numeri e calcoli che ne delineano chiaramente ed indirizzano correttamente i percorsi. Nelle parole e nelle volontà invece occorre comprendere, ragionare, capire per scegliere. Le parabole sono occasione di discutere, le iperboli opportunità di indirizzo e viceversa, poiché la mente per scegliere il GIUSTO deve percorrere molte strade ed itinerari, non uno soltanto, neppure quello della convenienza immediata, ma innescare conoscenza, lealtà, onestà, per poi capire e scegliere. Queste una delle infinite altre ragioni per il mio NO. Non ci stò !!! tullio valerio mazza www.immaginienonsoloparole.it   Confronto/dialogo tra Renzi e Zagreblesky per decidere come votare Renzi:"Professore mi dice dove sta scritto nella riforma che c'è un rischio di deriva autoritaria?" Zagreblesky:"Mi dice chi scrivera' lo statuto delle opposizioni?" R.:"Il Parlamento" Z.:"Eletto con?" R."Italicum" Z.:"Quindi sta dicendo che le regole delle opposizioni verranno scritte da chi governa?" Renzi:".........." Resta BASITO con occhi sbarrati, bavetta al labbro inferiore, stranamente muto per un "facitore di parole ininterrotte e ripetititve" MA ANCORA ATTENDIAMO RISPOSTA... resto in ascolto, poichè in una tale e veritiera rappresentazione di fatti registrati e disponibili a tutti, rendono possibile una morale, quella che dichiarandosi studenti e ripetutamente insistendo sul fatto di avere studiato proprio sui testi di quel professore si venga smascherati ed irrisi proprio su testi prodotti dallo studente....ci ammonisce sui rischi anche di altro genere, AD OGNUNO IL PROPRIO RUOLO, MENO BORIA E PIU' CULTURA E CAPACITA' DI STUDIO ED ANALISI, poichè a parlare siamo capaci tutti, MA E' IL SAPERE PENSARE A CREARE DIFFERENZE CHE VA LASCIATO AI SAPIENTI, o NO? LA SOBRIETA' ANDRA' DI MODA        Governatori, Sindaci, Consiglieri Regionali part-time e Senatori part-time,  Governatori, Sindaci, Consiglieri Regionali part-time retribuiti per il tempo pieno, Senatori  part-time ed a tempo determinato  non retribuiti ma insigniti della immunità parlamentare a tempo pieno, Senatori a vita part-time ed a tempo determinato retribuiti non si sa bene come, Senatori part-time che devono occuparsi di leggi nazionali, confronti con la Camera dei Deputati, partecipare, discutere, votare alcune volte si ed alcune volte NO sui provvedimenti di Bruxelles, alle decisioni di Strasburgo invece NO, ma in qualche caso invece si, entrare ed uscire dai meriti delle leggi se lo decidono i Presidenti di Camera e Senato a maggioranza e se uno dei due in contrasto con l'altro forse ai dadi, per questo pasticcio incredibile pur vero  che ci avete proposto, ho una domanda semplice ed una considerazione: RITIRATE QUESTO REFERENDUM, RITIRATE QUESTA LEGGE ELETTORALE, FATECI GRAZIA DI TALE OBBROBRIO GIURIDICO, TOGLIETCI DAL RISIBILE, ARRENDETEVI ALLE SOBRIETA' E CONFESSATE IL PECCATUCCIO, ALLA LEOPOLDA AVETE UN PO' BEVUTO, O NO ? I MURI escludono i PONTI congiungono ad ognuno di noi la scelta se e cosa erigere sul confine della propria coscienza tullio valerio mazza www.immaginienonsoloparole.it to CONSTITUTIONAL REFERENDUM I vote NO help me to avoid the drift in the authoritarian sense, maintaining the existing freedoms and rights invited to vote NO every Italian citizen
  • tullio valerio mazza

    Allora la tua non è solo disinformazione o vigliaccheria delle parole, molto molto altro e di più, che non meritano altro commento, come la considerazione sul valore che esprimono: zero ed il nulla.. Solo l’oblio della storia e la pietà per i morti, mi trattiene dal risponder alle tue insolenze e vigliaccherie.